Orrore Sull'Orient Express

5a Sessione - Parigi pt. 2 - Poissy

10 Gennaio 1923

Dopo una notte travagliata, in cui un brutto sogno che riguarda lo squillare del telefono in camera (che non c'è) non permette un buon riposo a Jon e Caroline; il gruppo si ritrova con Remi per stabilire un piano per la giornata. Robert raggiunge il resto degli investigatori all'hotel Maurice.

Le ricerche su Fenalik o Fenalicheque non portano a nulla per tutta la giornata ma Jon trova una nuova pista insieme a Remi, un estratto processuale del 1787 in cui prosegue la storia di Cécil Boudroit, di cui aveva già trovato un primo documento.

A pranzo c'è una scenata di gelosia da parte di Caroline verso Charlotte, la cameriera bionda per cui lei pensa che Jon abbia un debole. Stout riesce a consolare la ragazza che si allontana in lacrime.

Jon non riesce a dormire bene la notte e si alza per fare un giro.

11 Gennaio 1923

La mattina si svolge la manifestazione contro l'occupazione della Renania da parte dell'esercito francese, a cui partecipa Remi. Durante la mattinata "libera" Carl e Mark si occupano di noleggiare due auto per indagare a Poissy, un paesino nel nord ovest di Parigi.

Robert e il detective Stout passano la mattinata da turisti nella capitale francese, esplorando la zona universitaria e il quartiere di Montmartre.

Larry, Caroline e Jon si dirigono al Louvre, dove accade l'impensabile.

Durante la visita (in cui Caroline si ferma nuovamente ad osservare un quadro neanche troppo bello…) una rappresentazione del Cristo in croce inizia a sanguinare!

Il medico tocca la ferita sul costato e scopre con orrore che la sensazione è la stessa della carne viva e il sangue… è vero.

Durante la confusione che ne consegue alcuni manigoldi ne approfittano per effettuare il colpo del secolo, viene rubata La Gioconda! Probabilmente il Cristo Sanguinante era solo un modo per distrarre l'attenzione da quello che stavano per fare.

Giornale della giornata del 12/01

 

Pomeriggio - Partenza verso Poissy

Il viaggio verso Poissy è abbastanza rapido, e nella prima serata gli investigatori si ritrovano nel centro della cittadina. Chiedendo in giro l'hotel più vicino è a 15 km verso Parigi, ed è un postaccio, con camere sporche che comunque portano un discreto riposo.

12 Gennaio 1923

Le ricerche a Poissy procedono e puntano verso il municipio.

Stout litiga con un impiegato ma Jon riesce a corromperlo e ad avere accesso alle piante delle case antiche. Con altre sterline si assicura anche la possibilità di portarsi via la pianta originale della Villa Fenalik, che ha dei disegni assurdi, blasfemi e che sconvolgono la mente del povero Remi, che con forza richiede di essere accompagnato alla stazione dei treni per tornare a Parigi.

Chiedendo in giro dell'ubicazione della casa il gruppo viene portato alla villa della famiglia Lorien, composta da Christian (il medico locale), Veronique e dalla piccola Alexandrine. 

Il gruppo si presenta come al solito come se fosse una spedizione per un'indagine su un traffico di opere d'arte rubate e cerca informazioni. Veronique, la moglie, si ritira in camera al piano superiore, dato che soffre di una brutta artrite.

Alexandrine lega subito con Caroline, che ne approfitta per fare un giro della casa. Jon nota che sul braccio sinistro di Christian c'è una brutta ferita guarita molto male. 

Nel fare domande sulla casa a Christian viene in mente una lettera che ha ricevuto poco tempo fa da uno sconosciuto, la lettera arriva da Losanna, in Svizzera.

Comments

mad7eo

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.